Comitati Esecutivi SPI-FNP-UILP

14 aprile 2016

13 aprile 2016 -  Preoccupazioni per il DPF e le ricadute a livello nazionale, regionale e territoriale; necessità di un confronto con il sindacato; opportuno cambiamento delle norme economiche europee; prossima manifestazione nazionale del 19 maggio; iniziative sindacali per l’invecchiamento attivo, tavolo di concertazione per il nuovo regolamento ISEE.


COMITATI ESECUTIVI SPI LAZIO FNP LAZIO UILP LAZIO

13 APRILE 2016

I Comitati Esecutivi SPI CGIL Lazio, FNP CISL Lazio, UILP UIL Lazio riuniti unitariamente presso la sede della FNP CISL Nazionale in Via Po 19 Roma, sentiti la relazione di Saverio Crostella Segretario Generale della UILP UIL Lazio, l’intervento di Claudio Di Bernardino Segretario Generale della CGIL Lazio, le conclusioni di Gigi Bonfanti Segretario Generale della FNP CISL Nazionale, li approva con i contributi pervenuti dal dibattito.

 

I Comitati Esecutivi condividono le critiche e le preoccupazioni avanzate dal sindacato in merito al DPF per le ricadute che si determinano a livello nazionale, regionale e territoriale.

Affermano che la soluzione di problemi di tale rilevanza necessitano di una confronto con il sindacato.

 Condividono la necessità di un cambiamento delle norme che regolano l’economia in Europa, affiancando a misure tampone quale è la flessibilità rispetto alle stesse  della quale abbiamo diritto come Paese, iniziative capaci di cambiare il Fiscal Compact e lo Statuto Economico.

I Comitati Esecutivi valutano positivamente la riuscita della manifestazione nazionale del 2 aprile alla quale hanno contribuito con una forte partecipazione unitaria dei pensionati del Lazio e confermano il loro impegno per la manifestazione nazionale dei pensionati indetta per il 19 maggio p.v. da realizzare attraverso una forte sensibilizzazione e coinvolgimento dei pensionati e delle pensionate .

A tale scopo i Comitati Esecutivi impegnano tutte le strutture a promuovere unitariamente iniziative, volantinaggi, gazebo ed assemblee sul territorio per illustrare i contenuti della nostra piattaforma nazionale sulle pensioni e per mobilitare tutta la categoria per la  grande manifestazione del 19 maggio che non riguarderà soltanto gli esodati e la flessibilità in uscita ma anche la tutela del potere di acquisto degli attuali pensionati.

L’impegno della categoria comunque non si limita solo a questa importante mobilitazione nazionale ma anche ad una forte ripresa della vertenzialità territoriale incentrata sulla fiscalità locale, sui servizi e sulla compartecipazione alla spesa.

Relativamente alla proposta di legge di iniziativa popolare sull’Invecchiamento Attivo” e alla approvazione della D.L. 88 per le Politiche Sociali, ancora all’esame della Commissione Regionale competente, si rende necessario promuovere le iniziative sindacali a sostegno del superamento della lentezza dell’iter approvativo con cui la Regione sta affrontando questi problemi.

 

I Comitati Esecutivi esprimono soddisfazione per il Protocollo d’intesa firmato congiuntamente da CGIL CISL UIL, SPI FNP UILP, FP CGIL FP CISL FPL UIL, e Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Lazio con il quale si afferma l’impegno congiunto a collaborare, ciascuno nel proprio ambito di competenza,  a sostegno delle politiche di inclusione sociale, di coesione sociale sul territorio e di supporto per le persone più fragili.

I Comitati Esecutivo valutano come un buon principio  l’accordo stipulato e ritengono che pari impegno debba essere sviluppato nella redazione del Piano Sociale Regionale.

Importante è l’apertura di un tavolo di concertazione per definire in tempi ravvicinati il nuovo regolamento ISEE che deve migliorare e non peggiorare le attuali condizioni di esenzione e di compartecipazione in vigore nel Lazio.

Altrettanto importante è l’impegno della Regione a condividere con il sindacato le procedure di trasparenza per l’affidamento dei servizi sociali territoriali.

 

I Comitati Esecutivi, infine, approvano il documento denominato “Verbale della Riunione Unitaria del 4 aprile 2016”distribuito in cartella, in cui si definiscono impegni ed iniziative comuni per la realizzazione di un Osservatorio Unitario sulla contrattazione sociale che si realizza nel Lazio;  contenuti della Contrattazione Regionale e Territoriale da sviluppare sul territorio e l’attività Formativa/Seminariale prevista per il 2016.

I Comitati Esecutivi e le Strutture Sindacali che li compongono si impegnano alla realizzazione degli obbiettivi indicati e convengono sulla necessità di prevedere specifiche verifiche di merito.